Patreon o Onlyfans? Coem guadagnare come Adult content Creator. Le guide XSTARS

OnlyFans vs Patreon: adult content creator vs influencer

OnlyFans o Patreon? Dove conviene iscriversi per avviare un business online redditizio nel settore adult? Vediamo insieme le differenze tra le piattaforme. Come sempre, partiamo dalle basi.

Patreon, cos’è?

Patreon è una piattaforma basata sul crowdfunding dove i fan si elevano al ruolo di mecenati o “patroni” sostenendo economicamente l’operato dei loro artisti, influencer e content creator preferiti in cambio della fruizione di contenuti esclusivi. Come in OnlyFans, la connessione con i fan è immediata, il contatto è diretto, senza mediazioni.

Patreon nasce nel 2013. Dove? A San Francisco, USA. I fondatori si chiamano Jack Conte e Sam Yam. È la piattaforma che ha garantito (e garantisce) a tanti artisti, musicisti, scrittori, podcaster un sostegno economico regolare per potersi dedicare alla creazione dei loro prodotti, senza dover investire in campagne pubblicitarie e non dover combattere con gli algoritmi dei social network per scelta dei contenuti e ricerca continua di visibilità.

Patreon, come funziona in Italia? Le caratteristiche principali

Patreon è un ecosistema molto più orientato verso la creazione e la fruizione di contenuti piuttosto che sul versante della connessione sociale. Non è pertanto un social network in senso stretto nonostante il ruolo della community sia comunque da considerarsi centrale.

Ricorda: siamo nel Web3, i content creator, se vogliono crescere, possono e devono interagire direttamente con i loro sostenitori qualunque sia la piattaforma.

L’obiettivo principale di Patreon rimane sempre e comunque la raccolta fondi, il sostegno alla produzione creativa online dell’artista, influencer o content creator che si decide di seguire.

Al suo interno possono essere condivisi comics, foto, podcast, video, canzoni, contenuti formativi etc.

I “patroni” (chiamiamoli sostenitori o fan!) vengono coinvolti nel processo creativo in maniera esclusiva tramite la fruizione di:

  • Contenuti speciali.
  • Anteprime assolute.
  • Download di creazioni originali e così via.

I fan possono scegliere di pagare abbonamenti mensili iscrivendosi ai canali dei loro creativi preferiti e quindi di comprare i singoli contenuti offerti dal o dalla creator.

Quali sono le differenze tra OnlyFans e Patreon

Come OnlyFans, Patreon consente ai creator di guadagnare caricando contenuti originali. Esistono però differenze sostanziali tra le due piattaforme già a partire dall’interfaccia e dai meccanismi di promozione.

  1. La prima grande, grandissima differenza è che Patreon non ammette la condivisione di contenuti per adulti NSFW (Not Safe For Workcome invece fa OnlyFans, il quale da anni ne ha fatto il proprio core business.
  2. Un’altra differenza importante è relativa alle commissioni richieste. Sono più alte su OnlyFans, che comunque è molto più popolare e ha un pubblico più vasto: Patreon arriva al 12%. Onlyfans richiede il 20% sui guadagni dei propri content creator.
  3. OnlyFans facilita il guadagno dei creator tramite abbonamenti, mance, contenuti pay per-view, live streaming, chat dal vivo. Su Patreon, invece, è possibile guadagnare solo attraverso abbonamenti mensili. Patreon è in questo modo ottimo per i creator che intendono costruire un reddito regolare grazie alle proprie creazioni.

Quanto costa aprire un business online con OnlyFans e/o Patreon?

Nulla. Non costa nulla. L’iscrizione come content creator è gratuita. Sia che tu sia un/a sex worker, un istruttore di fitness, un musicista, un/a artista, una persona che ha deciso di diffondere la propria creatività o esplorare i limiti dalla propria sessualità sul web, non dovrai pagare.

I costi da sostenere saranno solo sugli eventuali guadagni:

  • Le commissioni richieste da OnlyFans o Patreon.
  • Le tasse sui tuoi guadagni netti sulla piattaforma o sulle piattaforme che scegli come campo base per la tua attività online. Introiti che dovrai fatturare in base al paese in cui risiedi fiscalmente.

Patreon vs OnlyFans: chi è migliore?

Come sempre, non esiste una classifica assoluta.

La valutazione su quale piattaforma sia migliore tra Patreon e OnlyFans dipende esclusivamente dal tuo focus come content creator.

OnlyFans è la piattaforma per eccellenza per gli adult content creator. Patreon, no. Difatti, consente la condivisione di contenuti che trattano il tema del sesso, ma non è sicuramente una piattaforma per l’intrattenimento “adult only”.

Inoltre, Patreon è adatto solo a chi possiede già una propria community, anche piccola, ma attiva, affezionata e generosa. Non è la piattaforma per chi sta muovendo i primi passi sul web: non ha lo stesso funzionamento di OnlyFans dove tutti possono provare ad avere successo con impegno e talento e magari la giusta agenzia adult alle spalle. Anche partendo da zero.

OnlyFans & Patreon. Il responso finale.

Se sei un/a adult content creator scegli OnlyFans. Perché? È la piattaforma numero uno per iniziare una carriera di successo nel mondo dell’erotismo amatoriale. A seconda della tua strategia, puoi scegliere se attivare un account free o uno a pagamento per provare a guadagnare subito online con la piattaforma mentre crei la tua community.

Patreon, come abbiamo detto, è più adatto a creator che possono definirsi influencer: a chi ha già un seguito su social come Instagram, X o YouTube.

Però, elencate le differenze, ti diamo un consiglio strategico.

Sei pronto/a?

Smetti di vedere le due piattaforme in opposizione.

Una volta che ti sarai fatto/a un nome come adult content creator e avrai costruito una tua immagine reale sul web, un’identità artistica che ti rappresenti indipendentemente dalle piattaforme che utilizzi, puoi decidere di ampliare il tuo portfolio con un account Patreon dove dai spazio a una tua passione, a te stesso/a, in maniera differente. Basta semplicemente scegliere l’angolo giusto per far uscire al meglio la tua voce.

Se non sai come fare… scegli la giusta agenzia online per il tuo storytelling sul web. Entra in XSTARS.

 

 

Write The Comment