conosci i segreti dei Do It Rebel. Hanno un sito: doitrebel.com e sono XSTARS

[Episodio 3] Essere adult content creator. 10 domande a… Do It Rebel

Risuona ancora nelle orecchie quel «ci vediamo dall’altra parte» di TheOne, quel saluto alla fine della nostra intervista a Miss Sexy Room, quando ci arriva una mail.

Sono i Do It Rebel a inviarcela. La apriamo. Dentro troviamo un link. Clicchiamo. Si apre un video.

La location la conosciamo. Il loro studio creativo, la loro tana segreta. Sono seduti, una in braccio all’altro, su quella poltrona da gamer in cui l’azzurro si fonde ai capelli di lui. TheOne è a petto nudo, tatuaggi in vista, Miss è accoccolata sul suo corpo, indossa una sorta di prendisole nero. L’immagine si interrompe.

Un’interferenza. Al posto dei Do It Rebel campeggia una domanda, bianco su nero, al centro dello schermo, una di quelle che gli avremmo fatto noi.

1) Come vi siete conosciuti?

[I Do It Rebel tornano in primo piano. È TheOne a parlare.]

«Ci siamo conosciuti per caso. Online. Su Tinder. Una sorta di forza nascosta ci ha uniti. Abbiamo lo stesso fuoco dentro, una sorta di istinto primordiale che si esalta quando siamo insieme. Credo sia proprio questo fuoco il centro della nostra ribellione. È lo stesso fuoco che abbiamo deciso di condividere con il mondo tramite i nostri sex tape su OnlyFans, Pornhub e tutte le altre piattaforme che stiamo esplorando come per esempio Fansly. Viviamo a ritmo di sesso sfrenato».

Miss interviene: «il sesso sfrenato ci unisce, siamo… immersi nella stessa aura».

Di nuovo l’interferenza. Un’altra domanda sullo schermo. Poi i Do It Rebel. [Spoiler: questa sequenza, interferenza, domanda etc., si ripeterà per tutte le domande e risposte che leggerai].

Essere DoItrebel. Scopri il loro cosmo ribelle su doitrebel.com

2) Cosa intendete per Spirito Ribelle?

È Miss a parlare.

«Mhh… è come se avessimo sempre la libido a mille. Siamo… anima e sesso. E non perdiamo occasione di mettere in mostra queste due cose: intimità e passione assoluta. Esibiamo la nostra voglia di vivere liberamente. È questo secondo me che possiamo definire come spirito ribelle. Mettiamo in scena attimi della nostra vita insieme senza alcuna limitazione. Specie quando siamo in posti pubblici (ride)».

3) Come nasce una coppia di adult content creator?

TheOne: «Miss era già dentro questo mondo, non la devo presentare io. Io mi sono trovato travolto dal suo flusso. Per me è stato come entrare in campo dopo aver vissuto tanti anni una vita da spettatore appassionato. Mi sono detto: è la mia occasione. Questo sono io e ho la persona giusta davanti per buttarmi dentro questo mondo. Voglio essere un creator, voglio fare parte di una coppia che esalti questo mio desiderio. Ecco che sono nati i Do It Rebel!»

Miss annuisce. Poi, aggiunge: « è la nostra connessione sessuale la chiave. Oltre naturalmente al rispetto e tutte le cose che ritengo siano scontate quando ci si rapporta con le altre persone in maniera… intima. Ma è proprio questa connessione. Noi dopo un match e un date ci siamo trovati dentro una bolla di sesso sfrenato, è stata una cosa naturale farci i video. Siamo nati per quello.

4) Dove vogliono arrivare i Do It Rebel?

TheOne: «non ci sono limiti. Siamo un progetto in evoluzione. Come le nostre vite. Se avessimo limiti, che ribelli saremmo? Viviamo ogni giorno in maniera unica. Step by step. Sogniamo di entrare nelle case di tutto il mondo con la nostra ribellione. Sesso, sesso e ancora sesso, sempre e comunque. Per tutti! (ride)»

5) Quanto di quello che fate è reale e quanto è “arte”?

Miss: «è tutto reale. Il video esalta solamente le emozioni, perché permette di isolarle, rallentarle, renderle più veloci. Ma è tutto vero. Noi siamo così. Nei nostri contenuti mettiamo in primo piano i nostri corpi. Ma se guardi bene, ci puoi vedere pure le nostre anime selvagge, sono lì di fronte a te».

6) Chi è Miss lo sappiamo. Chi è TheOne?

[Sei a un click dall’intervista completa a Miss Sexy Room]

«Sono sempre stato estremamente affascinato dall’universo del dating e dai segreti dell’adult sia come spettatore che come imprenditore. Ho sperimentato tantissimo nella mia vita. Ho sempre cercato di dare sfogo al mio animo ribelle che è centrale nel mio personale percorso di vita. La mia è una continua ricerca di libertà assoluta. Questa libertà l’ho trovata come adult content creator. Nei miei video mostro qualcosa di me che sento rendermi unico. Per questo ho deciso di chiamarmi TheOne. Sono io, oggi. Uno e basta. L’unico».

7) Il video più bello che avete girato

Miss (ride): «il prossimo. Quello che stiamo per pubblicare! Caspita… dai… è difficile dirlo, sono tutti belli, il più emozionante forse è stato il primo, perché ha dato il via a tutto, ma non so proprio scegliere».

TheOne: «scegliete voi, su doitrebel.com trovate tutto di noi!»

8) Quanto è difficile essere dei content creator di successo?

Miss: «parecchio. Non è una cosa scontata. Sono da un bel po’ in questo settore: ci vuole impegno, dedizione, una capacità comunicativa che, se non la possiedi innata, devi per forza tirare fuori. E poi un sacco di competenze sui social, coi video e in generale di web marketing. Per questo sono fondamentali agenzie come XSTARS. Per essere al top in ogni canale e non dipendere da nessuno, tipo le piattaforme intendo, bisogna davvero lavorare tanto e bene. Meglio con un aiuto di professionisti del digital.

9) Temete i giudizi, nel mondo “reale”, fuori dal mondo adult?

TheOne: «questa è la nostra verità. Non possiamo tradirla. Preferisco essere me stesso che ascoltare quello che dicono gli altri».

Miss: «sottoscrivo in pieno. Non possiamo dare retta ai perbenisti. Ci piace fare questo. Punto».

10) Il vostro sogno come adult content creator?

TheOne guarda Miss, implicitamente le lascia la parola.

Miss: «potrei dire vincere premi, a chi non piacerebbe? Ma non è la nostra reale priorità. Semplicemente, il sogno è quello di poter continuare a essere liberi di fare ciò che vogliamo grazie alla nostra passione. Più che un sogno è un desiderio, la voglia che questa cosa continui a renderci felici il più a lungo possibile, perché in fondo l’abbiamo già reso realtà».

L’interferenza scompare. Sorridono. Salutano in camera. Lei ci manda un bacio con la mano. Il video si dissolve in un nero, un buio profondo che ci lascia perplessi. Chiudiamo la mail. Il notebook.

Ma come hanno fatto, avevano i nostri appunti?

Quelle erano le nostre domande, ma non le avevamo ancora scritte, non gliele avevamo inviate.

Chissà… sarà che i Do It Rebel sono parte integrante di XSTARS… e, forse, davvero… vivono al suo interno, in segreto, dentro la sala macchine, nel cuore di XSTARS.

Write The Comment